shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00 
View Cart Check Out

Rassegna stampa

Comunicati, notizie e match report

XII Editoriale: Se i ragazzi sono uniti non saranno mai sconfitti!

Bentrovati ragazzi. Decidiamo di scrivere questo editoriale in un giorno un pò particolare, l’11 novembre. Come molti di voi sapranno, in questa data ricorre l’anniversario della morte di Gabriele Sandri, giovane ultras della Lazio, ucciso – mentre era in trasferta al seguito della squadra biancoceleste – dai colpi da arma da fuoco sparati dall’agente della polizia stradale Luigi Spaccarotella, condannato con sentenza definitiva a 9 anni e 4 mesi di reclusione. Ci sembra opportuno, quindi, stringerci idealmente ancora una volta intorno alla famiglia di Gabriele, del padre Giorgio e del fratello Cristiano, che abbiamo conosciuto personalmente in occasione dell’inaugurazione del parchetto intitolato alla memoria di Gabriele. Il “popolo di Gabriele” è più vivo che mai, nelle strade, nelle piazze, negli ospedali dove operano i gruppi di Donatori Volontari che fanno capo alla Fondazione Sandri.

Nel weekend appena trascorso, si è svolto il derby della Capitale. Un pensiero sorge quindi spontaneo. Chissà che avrebbe pensato Gabbo nel vedere le due curve dell’Olimpico completamente vuote, svuotate del colore e della passione che le contraddistingue, da sempre. I vari gruppi della Sud e della Nord, infatti, hanno deciso di disertare la partita in segno di protesta contro il provvedimento, adottato dal Prefetto di Roma Franco Gabrielli, con il quale ha disposto la divisione delle due curve con delle barriere, per fantomatici motivi di “sicurezza“. La strategia è invece ben chiara: si vuole ancora una volta dividere le tifoserie, si vuole creare una spaccatura ulteriore, questa volta non più identificabile in una tessera, ma materiale. Su un vecchio striscione che apriva il corteo organizzato proprio a Roma il 14.11.2009, al quale hanno partecipato oltre 300 tifoserie provenienti da tutta Italia per manifestare contro la tessera del tifoso, faceva capolino una frase “Se i ragazzi sono uniti non saranno mai sconfitti!“. Vogliamo, quindi, far nostre queste parole e invitare i ragazzi delle curve romane a restare uniti in questa battaglia, alla faccia di chi ci vorrebbe divisi, da una tessera, come da una barriera. E siamo sicuri che anche Gabriele, da lassù, la pensi esattamente così e sia al vostro fianco.

Fatta questa doverosa premessa, veniamo finalmente a noi. Siamo entrati nella settimana che si concluderà domenica con l’esordio in campionato, in trasferta, sul difficile campo del Sammichele (inizio ore 14.30). Ci avviciniamo al match con la serenità di chi sa di aver fatto ogni sacrificio possibile per garantire alla squadra i mezzi per poter far bene. Quest’anno, a differenza dei precedenti, ci sentiamo un pò meno “soli” del solito. Sono stati, infatti, sottoscritti oltre 100 abbonamenti, nelle diverse formule proposte, di cui ben 17 in Germania dai nostri amici di Lipsia e molti altri da ragazzi sparsi per la Penisola. Tale successo non può che renderci orgogliosi e ci ripaga degli sforzi fatti in questi mesi. Allo stesso tempo, ci auguriamo di non tradire le aspettative di chi si è fidato di noi, sostenendoci economicamente in questa ennesima – speriamo splendida – avventura, credendo alla bontà delle nostre idee. Non ci illudiamo di essere quelli della semifinale o della finale, anche perché siamo ben consci che il nostro progetto è a lungo termine. Ai “grandi numeri” preferiamo, ogni anno, avvicinare qualche ragazzo che decida stabilmente di sostenerci, anche se non possiamo negare che il ricordo di quelle due meravigliose partite e delle emozioni vissute sugli spalti sia indimenticabile e ci sproni a far sempre meglio.

Lo scorso venerdì, inoltre, in occasione della partita del Bari, abbiamo potuto riabbracciare vecchi amici di Salerno e di Reggio Calabria, in particolare i ragazzi dei “Reggina 1914“, sciolti, ma sempre presenti e sempre vivi, nonostante le diffide e l’assurda repressione di cui sono vittime. Questi ultimi, in particolare, hanno deciso di trattenersi un giorno in più a Bari per prendere parte alla festa di inizio stagione che si è svolta sabato sera in quel di Triggiano. Sono occasioni come queste che ci fanno capire di poter sempre contare su dei fratelli, con cui condividiamo lo stesso modo di agire e di pensare. La serata è stata davvero gradevole, parecchia gente ha deciso di trascorrere qualche ora con noi, tra birre, musica e cori cantati a squarciagola.

La giornata successiva, allo stadio “Lovero” di Bari-Palese, nuova casa dell’Ideale per la prossima stagione, è andata di scena un’amichevole tra la nostra compagine e l’USD Spinazzola 1976, squadra che disputerà il campionato di terza categoria, sia pur nell’altro altro girone. La partita è stata vinta con merito dai nostri ragazzi. Ma quel che ci preme evidenziare è l’atmosfera vissuta sui gradoni. Al seguito della squadra bianco blu, infatti, si sono presentati i ragazzi del gruppo ultras di Spinazzola, che quest’anno – con una scelta coraggiosa e apprezzabile – hanno deciso di seguire la società che detiene lo storico titolo sportivo, piuttosto che la squadra militante in Prima Categoria. Non sono mancati i cori, da ambo le parti, le bottiglie di borghetti e la solita goliardia. Alla fine della partita i due gruppi si sono uniti in cori contro il calcio moderno e la repressione. Vogliamo esprimere il nostro rispetto per tutte queste realtà, che – lontano dalle luci dei campionati blasonati – decidono di sobbarcarsi km per sostenere la squadra del proprio paese nei campetti di provincia.

Che altro aggiungere…non ci resta che invitare tutti a seguirci domenica a Sammichele. In campo non scenderanno i campioni strapagati della serie A, ma semplici ragazzi come noi, in tribuna non ci saranno le veline, ma i vecchi del paese, la partita non si trova nei palinsesti delle agenzie di scommesse e non sarà trasmessa dalle pay-tv, non ci sono tornelli, telecamere, barriere imposte dal Prefetto. Si potrà respirare l’atmosfera di quel calcio autentico, quel calcio che per noi è una passione, una ragione di vita. Avanti Ideale!

Leave a Reply